Via del Gallitello, 89/B
0971601204
info@artigianiebab.it - pec@pec.artigianiebab.it

UTILIZZATE TUTTE LE RISORSE PER NOVEMBRE, FSBA CHIEDE ULTERIORI SOMME AL MINISTERO

EBAB - ENTE BILATERALE ARTIGIANATO BASILICATA

Questa mattina, come preannunciato, il Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato, unico soggetto deputato al pagamento della cassa integrazione per tutto questo Comparto, ha provveduto al pagamento dell’ammortizzatore sociale alle lavoratrici ed ai lavoratori sospesi dal lavoro, a causa del Covid, nel mese di novembre e nei mesi precedenti (per i quali le pratiche sono state completate con tutti i dati solo recentemente). Ha, inoltre, trasmesso le somme necessarie a simili pagamenti agli Enti Bilaterali Regionali che collaborano in questo adempimento provvedendo direttamente loro alle corresponsioni a favore di dipendenti/imprese.

È stata, così, integralmente utilizzata (tra pagamenti, trasferimenti e accantonamenti di importi per il versamento della contribuzione previdenziale correlata) la somma messa nelle disponibilità del Fondo da parte del Ministero del Lavoro: 34.607.546,23 euro. Peccato che questa non sia stata sufficiente all’erogazione della cassa integrazione per tutti i soggetti potenzialmente interessati; sarebbero serviti € 42.457.548,69. Mancano all’appello altri 8 milioni o giù di lì.

Al Fondo degli artigiani non si sono certi persi d’animo e, già quest’oggi, sono partite missive dirette a tutti i soggetti interessati (Ministero del Lavoro, ma anche Ragioneria dello Stato e Corte dei Conti) con cui si sollecita l’attribuzione prima e il conferimento poi delle somme necessarie. Ecco il dettaglio: € 7.850.002,46 per completare novembre e mesi precedenti ai sensi dei Decreti 41 e 146€ 1.315.372,52 per qualche pagamento residuo di cui al D.L. 178 (si tratta di cassa integrazione fruita all’inizio dell’anno passato).

Con l’occasione, FSBA ha stimato – e richiesto pertanto al Ministero – di aver bisogno di altri 49 milioni di euro per far fronte al pagamento della cassa integrazione per i periodi di sospensione di dicembre (e, anche qui c’è da giurarci, ci saranno code dei mesi antecedenti). Questa previsione tiene esclusivamente conto dell’andamento reale delle richieste e del fabbisogno di ottobre nel quadro dell’andamento complessivo della pandemia e delle difficoltà delle imprese artigiane a riprendere tutte e a pieno ritmo la produzione, con la tenuta dell’occupazione conseguente.

Per cui, il Fondo si aspetta di ricevere 9 più 49 milioni con una tempistica che, purtroppo, non sarà breve (diversi e articolati sono i passaggi amministrativi fra ministeri e soggetti deputati al controllo o alla materiale messa a disposizione delle somme).

Nel frattempo tutto il sistema artigiano (imprese e dipendenti, associazioni datoriali e organizzazioni sindacali) sta con il fiato sospeso in attesa delle decisioni del Governo in merito al prolungamento della Cassa Covid anche per i primi mesi di quest’anno: anche molti settori del comparto artigiano, infatti, registrano ancora difficoltà economiche, produttive, occupazionali. Un po’ di respiro, un sostegno concreto, una qualche prospettiva è attesa da imprese e lavoratrici/lavoratori.